elite small 2018 HS ds
BLOG PAGINA SITO

Le novità della soluzione di stampa 3D HP Jet Fusion 5200


Tante le novità annunciate recentemente in casa HP che non hanno di certo lasciato indifferenti tutti gli appassionati e addetti ai lavori del mondo additive manufacturing.

HP ha ufficialmente rilasciato la nuova soluzione di stampa 3D Jet Fusion serie 5200 ampliando l'attuale portafoglio Multi Jet Fusion che include la serie Jet Fusion 300/500 e la serie 4200 con tre nuovi modelli di stampanti 3D: Jet Fusion 5200, Jet Fusion 5210 e Jet Fusion 5210 Pro.

In questo articolo abbiamo raccolto le principali novità introdotte da HP con la nuova stampante 3D Multi Jet Fusion 5200. Abbiamo preparato per te un breve video per scoprire il funzionamento della stampante MJF 5200.

Stampante 3D HP 5200 Funzionamento Nuovamacut

Nuovi hardware e software

Il nuovo hardware, sviluppato sulla base dei feedback degli utenti MJF, presenta una serie di miglioramenti e aggiornamenti per offrire maggiore produttività, precisione, coerenza ed efficienza.

Ad accompagnare questa novità, due nuove suite di software: 3D Process Control e HP 3D Center. Il primo aiuta a ottimizzare la precisione dimensionale e la coerenza delle geometrie delle parti. HP 3D Center, invece, fornisce gli strumenti per ottimizzare l'intero stabilimento.

Infine, HP ha anche lanciato HP 3D Parts Assessment Service per guidare i clienti nell'identificazione e valutazione delle parti che possono essere stampate in 3D.

Processo di fusione in una singola passata

Il nuovo sistema prevede che il processo di fusione avvenga in un unico passaggio invece che 2 passaggi come nella 4200.

Questo è possibile grazie all’utilizzo di una lampada più potente che garantisce maggiore energia nella singola unità di tempo e apre anche opportunità per poter utilizzare in futuro materiali con temperature di fusione più alte.

Unità di raffreddamento naturale

Unità di raffreddamento naturale stampante 3D HP Nuovamacut.jpg

Il nuovo sistema di stampa 3D possiede inoltre un’unità di raffreddamento naturale che ottimizza e automatizza ulteriormente il processo di produzione: una volta completato il processo di stampa, le parti ancora calde possono essere trasferite automaticamente nelle unità di raffreddamento in modo che le Build Unit siano disponibili immediatamente per altri cicli di stampa.

Questo costituisce un valore aggiunto per i clienti che necessitano di un'elevata produttività e gestiscono più unità di produzione.

Altre novità importanti

Un ulteriore avanzamento riguarda il KPI che misura l’efficacia di un’apparecchiatura detto OEE: la serie 5200 infatti fornisce un OEE superiore e capacità di processo con precisione dimensionale e ripetibilità nei tre assi.

La serie Jet Fusion 5200 integra anche un sistema di imaging termico più evoluto e una risoluzione cinque volte maggiore rispetto alla serie 4200 che offrono un controllo del processo più rigoroso. 

Un materiale poliuretanico: ULTRASINT

Non sorprende che HP abbia colto l'occasione per lanciare un nuovo materiale per la sua tecnologia Jet Fusion 5200: ULTRASINT, un poliuretano termoplastico in TPU sviluppato da BASF.

Il nuovo materiale è adatto ai settori automobilistico, industriale e dei beni di consumo per applicazioni che richiedono assorbimento degli urti, ritorno di energia e flessibilità.

CTA Video Come funziona la Stampante 3D HP MJF 5200


Postato da Andrea Berti

Field Service Engineer - Tecnico HP
Nuovamacut Automazione Spa