ds Elite Club 2016 small
Blog Nuovamacut

Un nuovo modo di pensare alla "manifattura"


Risultati immagini per hp jet fusion

«La prossima rivoluzione industriale non solo cambierà il mondo, ma lo sosterrà».

Con queste parole Stephen Nigro, Senior Vice President, Imaging and Printing HP, conclude il proprio intervento durante il World Economic Forum di Davos, un incontro tra esponenti di primo piano della politica e dell'economia internazionale con intellettuali e giornalisti selezionati, per discutere delle questioni più urgenti che il mondo si trova ad affrontare, anche in materia di salute e di ambiente.

Per Stephen l'impatto del cambiamento industriale sarà nel fatto che il digitale diventerà il fisico con la semplice pressione di un pulsante.

Per anni le stampanti 3D sono state utilizzate per creare prototipi e piccole parti. Con l'introduzione della stampante 3D HP Jet Fusion, le parti fisiche possono essere create 10 volte più velocemente e metà del costo che con i sistemi precedentemente utilizzati. 

Un impegno concreto, quello assunto dalla società, per dar vita a un prodotto professionale, in grado di indirizzare le complessità di Industria 4.0 e più in generale della trasformazione digitale nel mondo delle imprese.
 
In questa INFOGRAFICA HP spiega con estrema chiarezza il funzionamento della propria macchina.
FONTE HP.COM

E2E-Infographic.png

Un nuovo modo di pensare alla "manifattura"

La stampa 3D cambierà il modo in cui noi e i nostri figli vivremo ed è importante pensarla con un focus non solo e non strettamente tecnologico. Non solo un modo nuovo per fare le cose, ma una risposta ai megatrend socioculturali che avranno impatto sul modo in cui le persone vivono e lavorano, a partire dei fenomeni di urbanizzazione di massa. La stampa 3D, insieme ai nuovi robot industriali e all’IoT, ha in sé il potenziale di essere catalizzatore di questo processo di adattamento, che richiederà di ripensare alla manifattura in termini iper-globali, iper-locali e iper-veloci. Nel contesto socio-economico che si va configurando, la stampa 3D consente alla produzione di avvicinarsi al consumatore: saranno i file a muoversi per arrivare ovunque sia necessario.

4200_E2E_Solution.jpg

Due sistemi di stampa a tutta velocità 

Due stampanti, anzi due sistemi di stampa: HP Jet Fusion 3D 3200 Printer e Hp Jet Fusion 3D 4200. La prima è indirizzata in modo specifico al mondo della prototipazione, mentre la seconda si inserisce anche in ambienti di produzione.

La velocità è uno dei punti di forza HP: 340 milioni di voxel al secondo è la velocità dichiarata e non è un caso che il claim scelto in occasione della presentazione sia stato “10 volte più veloci alla metà del costo”.
Le macchine di HP hanno proprio il fatto di non essere semplicemente delle stampanti, bensì dei sistemi. Cosa questo significhi, lo si evince dal processo che mettono in atto.
 
Si parte da un progetto, che viene tradotto in un file di stampa e dal computer viene poi inviato alla macchina. La stampante è in realtà a propria volta costituita da due unità distinte: la processing station e la build unit.
 
Una volta inviato il file di stampa alla processing station è necessario caricare il sistema con le cartucce dei materiali con i quali verrà realizzato l’oggetto finale ed è sempre la processing station che prende in carico il caricamento della build unit.
 
Terminato questo processo, la build unit viene rimossa dalla processing station e inserita nella stampante perché si possa dare il via alla realizzazione vera e propria del pezzo. Un aspetto caratterizzante l’approccio scelto da HP è che una volta dato il comando Start, e dunque avviato il processo di stampa, la build unit può ritornare alla processing, pronta a ricevere un nuovo file e dunque a far partire un nuovo ciclo.
Sul versante della stampante, una volta terminato il processo di stampa si passa al ciclo di raffreddamento e alla fase di post-produzione.
 
Secondo HP tutto questo processo di lavorazione si conclude con scarti minimi di materiale, mentre il processo di estrazione dell’oggetto dalla macchina è semplice e senza rischi di rotture.
 
 

Vuoi testare con mano la tecnologia HP?
 
richiedi stampa gratuita 
 

Postato da Flavia Damiani

Digital Marketing & Comunicazione
Nuovamacut Automazione Spa