ds Elite Club 2016 small
Blog Nuovamacut

Le novità di SolidWorks Composer: ancora più semplice da usare


composer linkedin.png

Il nuovo anno ha portato diverse novità in SolidWorks Composer, la soluzione di Nuovamacut finalizzata alla redazione di comunicazioni tecniche che, grazie all’integrazione con SolidWorks CAD 3D, permette di lavorare alla documentazione di prodotto mentre la progettazione è ancora in corso, creando documenti che si aggiornano automaticamente alle modifiche effettuate sul progetto. Alcune delle novità sono state introdotte già col Service Pack 3 di SolidWorks, mentre le altre arriveranno col primo Service Pack del 2017 di Composer. Qui descriveremo le principali, tutte orientate a rendere ancora più facile e immediato l’uso di Composer.

Quali sono le principali novità?


Una delle innovazioni è la Libreria Animazioni, un nuovo workshop che permette di creare in velocità sequenze animate comuni e ripetitive. Se la vostra documentazione prevede numerosi esempi in cui componenti del progetto vengono evidenziate o mostrate in movimento, è possibile ricorrere alla libreria per creare eventi highlight o motion, che verranno inseriti all’interno della timeline in parallelo all’animazione tradizionale

composer.jpg

 

composer 1.jpg

Si tratta di animazioni elastiche, che possono essere compresse o estese, e soprattuttoanimazioni.jpg modificate e personalizzate intervenendo su semplici file XML.

 

La gestione della timeline stessa è stata resa maggiormente professionale. Non è più composta da tre righe, ma si hanno chiavi separate per tutte le proprietà: posizione, opacità, materiali, eventi e una riga dedicata al punto di vista. È stato rimosso il terzo filtro, quello delle posizioni, perché ora c’è una riga dedicata. Tutto ciò consente di modificare l’animazione in modo più rapido e preciso

comp.jpg

Altra novità è la Sostituzione Nome Albero, una funzione che permette, tramite una metaproprietà, di sostituire i nomi degli attori visualizzati nell’albero dell’assieme. È utile all’utente di Composer perché gli permette di sostituire i codici di identificazione usati in SolidWorks con nomi più comprensibili. La funzione è retrocompatibile è può essere perciò usata senza creare problemi di compatibilità.

solidw.jpg

Infine è stata migliorata la gestione dei colori, che ora può essere condotta a livello di assieme. Diventa così possibile determinare i colori delle componenti una volta per tutte invece che per ogni singola animazione. Se si tenta di modificarli, si viene avvertiti che il colore è stato determinato a un livello superiore; ovviamente è sempre possibile intervenire per applicare un’impostazione differente al livello inferiore, se così si vuole.

composer solid.png


cta blog.png

 

 

 

 

 


Postato da Roberto Radaelli

Consulente Tecnico
Nuovamacut Automazione Spa