ds
Blog Nuovamacut

In che modo la tecnologia ha influenzato le Olimpiadi Invernali del 2018?


pyongyang_winter_games_south_korea

Nel 1924, nel comune francese di Chamonix, si svolsero i primi giochi invernali. Facendo un salto in avanti fino ad oggi, la tecnologia coinvolta si è evoluta in modo spettacolare. Ecco una carrellata di alcune delle novità che sono state illustrate ai giochi del 2018.

Progettati per "scivolare"

A contendersi i 10.000 dollari di premio c'erano 8 robot, costruiti da università ed enti di ricerca. Per partecipare alla competizione le macchine dovevano avere caratteristiche ben precise: dovevano essere bipedi, dotate di giunture su ginocchia e gomiti, essere alte almeno 50 centimetri ed essere equipaggiate con fotocamere o altri sistemi di visione (per evitare gli ostacoli).

Alcuni robot hanno terminato la gara ruzzolando lungo il pendio, ma in generale la manifestazione è stata un successo: ha vinto il team Taekwon V con un umanoide alto circa 75 centimetri che (lo diciamo per i nostalgici) solamente nel nome ricorda i non-transformer esperti nell'arte marziale del taekwondo (da cui il nome).

Dal punto di vista tecnologico la sfida è stata tutt'altro che semplice: «Abbiamo costruito un robot che utilizza 21 micro motori per imitare i movimenti di un essere umano sugli sci», spiega Sam Lee, responsabile di Mini Robot Corporation, «e di fotocamere e sensori per riconoscere il blu e il rosso delle porte sulla pista».

L'alba dell'era della tecnologia 5G

Anche la tecnologia 5G, che servirà per trasferire dati in modo ultra-veloce, è stata uno dei protagonisti dei XXIII Giochi Olimpici invernali di Pyeongchang in Corea del Sud. Una di queste sperimentazioni è stato il progetto “5G Champion”, iniziativa che consisteva nell’attrezzare gli autobus a disposizione degli spettatori per raggiungere i diversi siti con tecnologia 5G e schermi con riproduzione video 3D di altissima qualità. I passeggeri hanno così avuto modo di apprezzare la connettività ad altissima velocità, grazie agli autobus che fungevano da relè, ovvero da commutatore, tra la rete 5G e il segnale Wifi ritrasmesso all’interno degli stessi veicoli.

speed_skating_winter_games

Prestazioni e protezioni migliori per gli atleti

Il pattinaggio di velocità su ghiaccio è una disciplina in cui contano i millisecondi. Gli atleti sono costantemente alla ricerca di nuovi modi per radere frazioni inestimabili di un secondo ai loro tempi. Samsung, colosso della tecnologia della Corea del Sud, ha creato un abito con sensori che catturano una serie di dati sulla posizione del corpo. Questi dati vengono quindi inviati in tempo reale agli allenatori, che possono suggerire miglioramenti di postura agli atleti utilizzando segnali di ronzio su una banda sul polso degli atleti. Il team olandese di pattinaggio di velocità ha utilizzato il Samsung SmartSuit in allenamento, anche se la tecnologia non è stata utilizzata durante la competizione effettiva nei giochi invernali.

Correre su una montagna a 140km/h può essere incredibilmente pericoloso. Per fornire una protezione inestimabile contro l'imprevisto Dainese, azienda italiana leader nella produzione di protezioni per centauri e non solo, ha progettato un gilet dotato di sensori in grado di rilevare quando un atleta perde il controllo e sta per schiantarsi. Quando avverte il pericolo, il giubbotto si gonfia per proteggere l'atleta da gravi lesioni.

La tecnologia SolidWorks tra i vincitori 

Progettare una scarpa è una cosa. Progettare e produrre un'intera pista di pattinaggio è tutt'altra cosa. Chiedete all'azienda finlandese ICEPRO, che utilizza SolidWorks per perfezionare la progettazione delle piste di ghiacchio, delle arene e delle piste di pattinaggio più moderne al mondo. 

ICEPRO ha fornito entrambe le piste per i giochi invernali a Pyeongchang. Quindi, quando vedi quegli atleti scivolare con grazia attraverso il ghiaccio, ricorda: tutto è iniziato in SOLIDWORKS!

Risultati immagini per piste pattinaggio giochi olimpici

Già nel 2014, SolidWorks si era aggiudicato una medaglia di bronzo con il Team degli USA per la categoria bob a quattro. Il bob del team, soprannominato Night Train, è stato progettato, ottimizzato e testato con la tecnologia SolidWorks, portandosi sul podio 4 volte su 8. 


Sei interessato a scoprire come la tecnologia può aiutarti a migliorare le tue prestazioni? Contattaci

 


Postato da Flavia Damiani

Digital Marketing & Comunicazione
Nuovamacut Automazione Spa